Leggi sul Commercio Equo e Solidale

La legislazione sul Commercio Equo e Solidale è molto variegata a livello europeo e italiano. Ci sono però alcuni pilastri importanti nell’ambito europeo, in quello nazionale e in quello regionale che hanno riconosciuto il Commercio Equo come uno degli strumenti più adatti per completare azioni di cooperazione e sviluppo nei Paesi del Sud del Mondo.

Riassumiamo qui le legislazioni principali nei diversi ambiti:

EUROPA – Parlamento Europeo

1998 – Risoluzione n. 198/98CE 1998 [2 luglio 1998]

1994 – Risoluzione n. A3-0373/93 del 19 gennaio 1994 sulla promozione del commercio equo e solidale fra nord e sud

1991 – Risoluzione 8 ottobre 1991 sul sostegno attivo ai piccoli coltivatori di caffè del Sud del mondo mediante una politica mirata di approvvigionamento e di introduzione di tale prodotto di provenienza del commercio equo e solidale nelle istituzioni comunitarie


legge

ITALIA – Parlamento italiano

… il percorso fino al 2016

2016 Approvazione alla Camera della legge a sostegno del Commercio Equo

Il 3 marzo 2016 la Camera dei deputati ha approvato -con 282 voti favorevoli e 4 contrari- la proposta di legge “Disposizioni per la promozione e la disciplina del commercio equo e solidale”, il cui iter era iniziato nel maggio del 2014.
Si tratta di un provvedimento importante, che riunisce alcuni testi presentati da diversi parlamentari (i cui primi firmatari sono rispettivamente Realacci, Rubinato, Baretta e Da Villa).
Dopo una decina di leggi regionali -la prima è quella toscana del 2005- un corpo di diciassette articoli definisce il fair trade e ne disciplina la presenza nell’ordinamento nazionale.


2013 – Proposta di legge del 15 marzo – Testo


2012 – Legge sul Commercio Equo e Solidale: si riparte!

Una legge nazionale sul Com.e.S. è più che possibile!

Il 9 maggio 2012 è stata depositata in Parlamento la Proposta di Legge nazionale sul Commercio Equo e Solidale. Presentata dall’On. Duilio a seguito di un percorso che ha coinvolto Equo Garantito e Fairtrade Italia, la proposta è stata firmata da 52 Parlamentari afferenti a tutti gli schieramenti politici.


2003/2006 – Nel 2006 è stato presentato il Disegno di legge “disposizioni per la promozione del Commercio Equo e Solidale”. Una proposta gemella, bipartisan e ‘bicamerale’ perché depositata in forma identica in entrambi i rami del Parlamento e sottoscritta da 39 senatori e da più di 80 deputati.

Sono state approvate 4 mozioni da parte del Senato e della Camera del PARLAMENTO ITALIANO nel corso del 2003:


ITALIA – Legislazioni locali sul Commercio Equo aggiornate al 2016

Regioni con legge sul Commercio Equo e Solidale

Legge regionale LOMBARDIA (n°9/2015)
Legge regionale UMBRIA (n°116/2007) 

Legge regionale LIGURIA (n°32/2007)
Legge Regionale TOSCANA (n.24/2005)
Legge Regionale FRIULI VENEZIA GIULIA (n.29/2005)
Legge Regionale ABRUZZO (n.7/2006)
Legge Regionale MARCHE (n.08/2008)
Legge Regionale LAZIO (n.20/2009)
Legge Regionale PIEMONTE (n.26/2009)
Legge Regionale EMILIA ROMAGNA (n.110/2009)
Legge Regionale VENETO (n.8/2010)
Delibera Giunta Regionale Trentino Alto Adige
Legge provinciale Trentino (n.13/2010)
Legge Regionale PUGLIA (n.32/14)


Province

Delibera Consiglio provinciale di ALESSANDRIA (n.43410 del 27/07/1998)


Comuni

Delibera del Comune di Bari (22/04/2009)
Mozione del Comune di BOLOGNA (22/03/1999)
Delibera Comuni di GAETA e FORMIA
Mozione Comuni di RECCO e CAMOGLI
Mozione Comune di CASALMAGGIORE
Mozione Comune di ANCONA (n.289 dell’11/05/1998)
Mozione Comune di VENEZIA (03/11/2003)
Mozione Comune di MILANO (17/11/2003)
Mozione Comuni di PADOVA e GENOVA
Ordine del giorno Comune di ROMA (n.63 del 07/05/1998)
Ordine del giorno Comune di CASALE MONFERRATO (15/07/1997)
Ordine del giorno Comune di NOVI LIGURE (22/06/1998)
Delibera Comune di CARDANO AL CAMPO (n.48 del 1998)
Delibera Comune di TORINO