Scopri i punti vendita

Equo Garantito “parte” da Montecitorio verso tutta Italia

Equo Garantito è nato. Il sistema di garanzia equosolidale in Italia, il “cognome” comune per le organizzazioni del Fair Trade italiano, è stato “lanciato” nel cuore della politica italiana, la sede della Camera dei deputati, e da oggi sarà sulle vetrine di oltre 250 punti vendita equi in tutta Italia
Nella splendida cornice della Sala della Sacrestia, di vicolo Valdina, ha presentato il sistema per garantire ai propri associati e ai consumatori il rispetto dei princìpi del Fair Trade.

L’Italia nel campo del Fair Trade fa da apripista. Equo Garantito è infatti il logo che rende riconoscibile ed esplicito il fatto che l’organizzazione che lo utilizza appartiene a un sistema di garanzia, i cui criteri sono condivisi e presi ad esempio dalla WFTO, World Fair Trade Organization, l’organizzazione mondiale del Commercio Equo e Solidale.

Vittorio Leproux, del direttivo di AGICES – Equo Garantito, ha spiegato: “Equo Garantito rappresenta un momento di passaggio cruciale del movimento del Fair Trade italiano. Il nuovo logo, questa ‘espressione’ che abbiamo scelto e che chiamiamo il nostro nuovo cognome, coinvolgerà l’associazione e gli associati: tutti lo esporranno per dare risalto -nelle vetrine, sui siti, nella carta intestata di ciascuno- alla scelta di questa identità comune. Si tratta però non solo di un nuovo modo di comunicare. Non è passato molto da quanto, nel 2013, l’assemblea di WFTO si chiese quali dovessero essere i criteri specifici che identificassero quelle che noi chiamiamo ‘botteghe del mondo’, ovvero i punti vendita. Serve un sistema incaricato di monitorare, e di stabilire se un punto vendita è una bottega. È una domanda che viene posta in tutti i 70 Paesi dove esiste il fair trade. Ecco, siamo orgogliosi di dire che il primo Paese in cui questo è possibile è l’Italia, e la prima organizzazione  prendersi questo impegno è AGICES. Per la prima volta le botteghe del mondo esporranno, sulla vetrofani ‘Equo Garantito’, anche il logo di WFTO. Il nostro è dunque un sistema di garanzia riconosciuto a livello internazionale, anzi pioniere a livello internazionale”.

L’on. Lino Duilio -promotore della prima Proposta di legge sul Commercio Equo e Solidale, che ha ispirato quella attualmente in Parlamento- ha spiegato: “Non è un caso che siamo qui, alla Camera, oggi. La presenza del movimento del fair trade, il lancio di Equo Garantito rappresentano un elemento dal valore concreto e simbolico. Ci siamo adoperati perché avvenisse qui questo lancio, per testimoniare l’importanza che annettiamo al mondo del commercio equo e solidale, e a questa sua iniziativa, di cui condividiamo i principi.
Rispetto alla legislazione nazionale, è bizzarro pensare che l’Italia sia uno dei Paesi in cui non abbiamo legge. Esistono quelle regionali, ma alcune sono state approvate senza risorse. Tuttavia non servono grandi risorse finanziarie. Noi ci stiamo impegnando perché si abbia una legge-cornice, che ribdisca contenuti e principi. Il testo della legge d’altra parte è stato frutto di un lavorio lungo, e ora è condiviso dalle grandi organizzazioni del fair trade.
Oggi ci sono le precondizioni perché si faccia presto e bene. Le premesse e le promesse sono positive. Entro l’estate 2015 si potrebbe avere la legge, che potrebbe essere apporvata. Le condizioni ci sono”.

“Mi impegno a sostenere l’iter della legge -ha detto infine il senatore Gianni Girotto, primo firmatario al Senato-. Il commercio equo e solidale è una piccola grande goccia che si insinua in un mare di oligopoli. A questi il fair trade risponde con rapporti equi coi produttori, guadagni congrui senza speculare sull’ambiente e i diritti. Questo atteggiamento è un po’ il cuore di ciò che la politica dovrà affrontare nei prossimi anni”.

One Comment

Lascia un commento

  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi

    Theme Settings