Scopri i punti vendita

G7 in Giappone – le conclusioni su commercio e SDGs

La dichiarazione finale dei leader del G7, G7 Ise-Shima Leaders’ Declaration, tenutosi poche settimane fa in Giappone, sottolinea diversi aspetti interessanti sul commercio e sugli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Prima di tutto non c’è nessun riferimento al Fair Trade e nemmeno alle filiere sostenibili. Purtroppo non viene menzionato nemmeno come sarà implementato il piano G7 Action for Fair Production, adottato in ottobre 2015 dai Ministri del lavoro del G7.

Nella sezione sul Commercio si afferma come sia necessario lottare per una migliore applicazione degli standard internazionali nelle filiere produttive per quanto riguarda gli aspetti sociali, di lavoro e ambientali (p.7). Inoltre si ribadisce come il Commercio possa essere una leva positiva per la crescita e l’ambiente e come si dovrà continuare a sostenere e rafforzare le regole del commercio multilaterale nell’ambito del sistema dell’organizzazione mondiale del commercio. Entro la fine del 2016, i leader del G7 auspicano l’entrata in vigore dell’accordo Free Facilitation Agreement, in coppia con la strategia Aid for Trade.(p.8)

In aggiunta, essi dichiarano che, nella sezione sulla sicurezza alimentare e nutrizione, sia importante supportare lo sviluppo di buone pratiche per la sicurezza alimentare globale e la nutrizione come definito dagli SDGs e l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Questo potrebbe includere l’espansione di opportunità in agricoltura, rivitalizzando le comunità agricole e favorendo la produttività, gli investimenti responsabili, il commercio e la sostenibilità in agricoltura e nei sistemi alimentari. (p.31)

Infine, riguardo al cambiamento climatico, essi incoraggiano altri paesi a fornire o continuare a fornire e mobilizzare la finanza per il clima, per assistere i paesi in via di sviluppo in merito a mitigazione e adattamento e per implementare i loro piani nazionali per il clima (p.27)

Il prossimo G7 sarà proprio in Italia a Taormina nel mese di maggio, sotto la guida della presidenza Italiana.

Equo Garantito e i partner europei, stanno seguendo gli eventi preparatori per monitorare soprattutto la parte riguardante gli obiettivi sul Commercio Equo e Solidale e le filiere sostenibili.

Fonte: FTAO Bullettin #67

Lascia un commento

  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi

    Theme Settings