Scopri i punti vendita
hb

Troppi migranti e profughi? Troppe guerre e povertà!

 

Nessun genitore metterebbe suo figlio in mare, se la terra fosse più sicura

L’UNICO MODO PER RIDURRE I FLUSSI MIGRATORI CUI STIAMO ASSISTENDO E’ LAVORARE PER FAR CESSARE LE GUERRE IN CORSO, E DOTARSI DI UNA POLITICA DI REDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE  E DEGLI SQUILIBRI INTERNAZIONALI

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE DA SEMPRE LAVORA PER CIO’:

ACCOGLIENZA, LAVORO SOSTENIBILE PER I PRODUTTORI, REDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE, ECONOMIE DI GIUSTIZIA, STABILITA’ SOCIALE.

Tante sono state le reazioni di fronte all’imponente flusso migratorio che ha coinvolto l’Europa: chi festeggia naufragi ed annegamenti perché riducono gli arrivi, chi si sente invaso e minacciato nella propria identità, chi urla contro gli immigrati, chi chiedendo voti per difendere i nostri confini. Chi osserva sgomento, chi chiede protezione per chi fugge da guerre e miseria. E chi è andato sulle coste o ai confini per offrire aiuto e conforto a chi è riuscito ad arrivare. Comunque la si pensi, siamo di fronte ad un processo epocale, destinato a durare, ed a sfidarci tutti, istituzioni e cittadini. TU DA CHE PARTE VUOI STARE?

Noi stiamo da quella parte ove Cuore e Ragione collaborano per affrontare seriamente un problema ampiamente previsto, rispetto al quale la politica dell’Unione Europea si è limitata ad osservare la crescita di un fenomeno drammatico, contribuendo anzi alle sue cause, illudendosi che fosse possibile gestirlo col filo spinato. Indifferente alle tragedie vissute da centinaia di migliaia di migranti, ai 25.000 morti per naufragio (dal 1988). Ed ai fallimenti clamorosi della propria politica internazionale (in particolare in Medio Oriente), che – com’era previsto – hanno fortemente alimentato i flussi migratori. All’incapacità di darsi una politica adeguata al dramma che stiamo vivendo, corrisponde infatti l’infinita ipocrisia dimostrata da chi ha contribuito direttamente (Libia) o tramite complicità politica, militare ed economica (Siria), a creare le cause drammatiche delle migrazioni di quelle popolazioni che dichiaravamo di aiutare con i nostri interventi. Salvo poi ributtarle in mare quando effettivamente ci hanno chiesto aiuto.

Paesi come la Germania e l’Austria hanno cambiato il proprio approccio, aprendosi in parte all’accoglienza. Sono novità positive, che non devono però farci pensare che tutto è risolto. Irrisolte  permangono le cause delle migrazioni verso l’Europa. Esse sono note, chiare, lampanti davanti a noi: guerre, miseria ed impoverimento, mancanza di diritti umani, desertificazione e siccità dovute ai cambiamenti climatici (che causeranno altri milioni di migranti). E’ razionale pensare che tutto ciò possa essere affrontato da quella politica che ha dimostrato il suo fallimento? Anni di chiusura delle frontiere, di controllo dei mari, di detenzioni arbitrarie, di violazioni dei diritti umani, di investimenti di grandi risorse economiche nella “detenzione” e nei respingimenti (25 miliardi di € dal 2000 ad oggi) non hanno fermato gli arrivi dei migranti. Né potrebbe essere altrimenti, e dovremmo ben saperlo noi italiani che abbiamo il record mondiale di emigranti (e tuttora continuiamo ad emigrare). Lo squilibrio tra le condizioni di vita esistenti tra i paesi di partenza e quelli di destinazione, la sempre maggiore concentrazione del potere economico e finanziario nel “Nord”, la rilevanza (specie in paesi come l’Italia) del lavoro sommerso ove gli immigrati lavorano senza documenti, la permanenza di guerre (alimentate o giustificate anche da USA ed Europa) vicine ai nostri confini, continueranno a spingere un elevato numero di persone a cercare protezione da noi. E non li fermeranno gli ottusi egoismi nazionali, il vergognoso rimpallo di responsabilità tra i paesi europei, e la crescita di movimenti nazionalisti e xenofobi che utilizzano il tema delle migrazioni per accrescere il proprio consenso. O il degrado di un’Unione Europea che pochi mesi fa non è riuscita a mettersi d’accordo per redistribuire nei 28 paesi membri 40.000 rifugiati in due anni. 40mila! Nel 2013, Pakistan, Iran, Libano, Giordania, Turchia, Kenya, Ciad, Etiopia, da soli, ne hanno accolti circa 5 milioni e mezzo…

Il nostro Presidente del Consiglio ha dichiarato che “Non basta commuoversi, occorre muoversi”. Mentre la maggioranza dei politici si limitava a parlare o a guardare da un’altra parte, da decenni il Commercio Equo e Solidale si muove concretamente con l’obiettivo di ridurre le disuguaglianze, di distribuire il reddito su tutta la filiera produttiva (e non concentrarlo nelle mani di pochi), di portare benefici alle comunità locali, di una riconversione ecologica dell’economia che favorisca pace e giustizia sociale, e per una finanza che promuova i beni comuni, produzione e lavoro (e non la speculazione). Da sempre il Fair Trade combatte quegli squilibri che alimentano le migrazioni, e denuncia l’insostenibilità di un modello economico globale ove oltre 842 milioni di affamati convivono con 600 milioni di persone sovralimentate, e che nel 2016 – mentre i nostri politici esultano per gli zerovirgola di aumento del PIL – produrrà il record della disuguaglianza economica mondiale, con l’1% della popolazione più ricca dell’altro 99%, mentre già nel 2012 la FAO ha stimato che entro il 2050 il cambiamento climatico causerà un aumento tra il 10% ed il 20% del numero di persone a rischio di fame, e del 21% del numero di bambini a rischio di malnutrizione.

I migranti che ci osservano, chi è già partito e chi si prepara a partire, sono solo l’annuncio di un futuro nel quale la redistribuzione delle risorse ed una maggiore giustizia sociale globale (temi  oggi estranei all’agenda dell’Unione Europea e della politica internazionale) potrebbero essere perseguite in modo violento, come prima o poi accade laddove il filo spinato prende il posto di politiche capaci di incidere sui problemi. “Aiutiamoli a casa loro”? Ora si tratta di aiutarci tutti insieme nella nostra unica “casa comune” questa Terra, che è di tutti.

PER TUTTO CIO’ NOI CHIEDIAMO ORA, ALL’ITALIA ED ALL’UNIONE EUROPEA:

  • l’adozione di una organica normativa europea sul diritto di asilo, che superi il regolamento di Dublino, e che includa l’istituzione di corridoi umanitari che permettano a quote di migranti di accedere alle nazioni europee in tutta sicurezza
  • l’adozione un piano strutturale per l’accoglienza dei profughi nei prossimi anni, cui vengano assegnate adeguate risorse economiche (attualmente in Europa ed in Italia sono la metà di quelle stanziate per i controlli delle frontiere ed i respingimenti)
  • la chiusura dei centri di detenzione per come sono oggi strutturati e gestiti
  • il finanziamento di solidi e strutturali piani per l’integrazione degli stranieri, che includa l’introdurre del diritto di voto alle elezioni amministrative per i migranti residenti, ed un impegno straordinario al contrasto a qualsiasi forma di xenofobia e razzismo.

Questo è un appello congiunto Equo Garantito e Altreconomia

Scarica la locandina della campagna!
LocandinaRifugiati_DEF

7 Comments

  • cristina gamba

    Sottoscrivo in pieno quanto espresso nell’appello, convinta che siamo di fronte ad un bivio dove la scelta dei nostri paesi ricchi è tra il condividere ciò che siamo in termini di beni e di conquiste o soccombere sotto la pressione, che potrebbe un giorno diventare anche violenta, delle moltitudini in fuga dalla miseria e dalle guerre. Potremmo anche chiuderci nel nostro “castello dorato” ma è la scelta sbagliata, oltre che stupida e di corto respiro. Chi ha il potere lo usi puntando lo sguardo un po’ più lontano dal suo naso. La terra è una e gli esseri umani molti più degli Europei.

  • Antonio Versari

    Aderisco all’appello sia a titolo personale che a nome della Com.e.s. scarl di Roma.
    Antonio Versari

  • chiara

    E’ sempre più dura, ma dobbiamo farcela a vivere insieme. E’ l’unica soluzione possibile.

  • Pippo Giaquinta

    Aderisco pienamente all’appello e penso che l’unico modo per uscirne fuori è redistribuire le risorse per tutti, dal nord al sud , eliminando questa folle corsa verso il consumo spregiudicato ad ogni costo.
    Il commercio equo e solidale di cui nessuno parla nei grandi mezzi di comunicazione è una di queste risposte. Pippo Giaquinta coop.F.Martin Siracusa

  • Giovanna Bertani

    Davanti a queste persone dobbiamo solo vergognarci di come i paesi europei stanno reagendo. tutti a guardare il proprio orticello. l’egoismo deve cedere il passo alla solidarietà. Me lo auguro con tutto il cuore.

  • Laura Corna

    Associazione Xapurì – (Lentate s/Seveso Mb) condivide e aderisce.

  • Pingback: 4passiTroppi migranti e profughi? Troppe guerre e povertà! - 4passi

Lascia un commento

  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi

    Theme Settings