Uno sguardo all’Europa – il Commercio Equo e Solidale nei prossimi 5 anni

Quali obiettivi e richieste per un’Europa più equa e sostenibile?

Le elezioni europee del 26 maggio scorso hanno definito un nuovo assetto per il Parlamento e per la Commissione europea. Due donne alla guida della Commissione Europea e della Banca Centrale rappresentate rispettivamente da Ursula von der Leyen e da Christine Lagarde e un italiano, David Sassoli, alla guida del Parlamento.

Il movimento europeo del Commercio Equo e Solidale guidato dal Fair Trade Advocacy Office, insieme ad altre organizzazioni della società civile europea quali IFOAM, CIDSE, RIPESS Europe, Ecolise, ha promosso, nei mesi scorsi, “The Fair Times” una campagna in 18 paesi che ha coinvolto partner e organizzazioni nazionali e che puntava al coinvolgimento dei candidati alle elezioni europee, su temi centrali per il futuro dell’Europa come la produzione e il consumo responsabili, lo sviluppo equo e sostenibile, la ricerca, il rispetto dei diritti umani nelle filiere produttive.

Quali sono stati i risultati raggiunti negli ultimi 5 anni dal nostro movimento a livello europeo? Quali sono le prospettive di lavoro del Commercio Equo e Solidale e le priorità per il prossimo mandato?

Lo abbiamo chiesto in poche domande, a Sergi Corbalan – direttore esecutivo del Fair Trade Advocacy Office – organizzazione europea, di cui anche Equo Garantito è parte, e che coordina le attività di lobby e advocacy del movimento a livello europeo. Ecco cosa ci ha detto.

1. Quali sono stati i principali obiettivi raggiunti negli ultimi 5 anni grazie anche al lavoro del movimento del Commercio Equo e Solidale in Europa?
“Serve tempo e molto lavoro per vedere i risultati del lavoro a livello europeo ma sicuramente ci sono stati alcuni passi avanti in diversi settori e ne ricordiamo due in particolare.

La prima è l’adozione della direttiva contro le pratiche sleali nella filiera agricola e produttiva alimentare (Unfair trading practices in the food supply chain). Un importante risultato che riguarda la possibilità che i piccoli produttori o gruppi di produttori, fornitori, agricoltori che vendono ai grandi distributori in Europa – quali ad esempio grandi catene di supermercati o importatori, possano denunciare in modo anonimo, casi di pratiche sleali nel commercio in caso ne siano vittime. Ci saranno anche modalità di sanzione per le imprese che verranno giudicate e riconosciute colpevoli di tali pratiche.
Questo risultato è molto importante perché i casi di pratiche sleali verso i produttori sono moltissimi e possono riguardare il cambio delle regole definite in fase contrattuale come ad esempio il prezzo delle merci, la cancellazione dei contratti già stipulati. La Direttiva quindi aiuterà a migliorare un po’ gli squilibri esistenti nelle filiere produttive alimentari.
Dal mio punto di vista – continua Corbalan – ora che è il tempo dell’implementazione, è necessario capire come verrà adattata la legge a livello nazionale. FTAO e Traidcraft UK stanno producendo una guida per l’implementazione della legge e qui sarà importante che le nostre organizzazioni di Commercio Equo e Solidale giochino un ruolo nel monitorare l’implementazione della stessa anche con altri soggetti a noi vicini come valori e proposte, ma anche con i produttori ad esempio quelli nazionali.

L’altra azione è che, per la prima volta nella storia dell’Europa, è stata definita una strategia per il Commercio chiamata “Trade fo All” che include anche una sezione dedicata ad un programma di Fair and Ethical trade – di Commercio equo ed etico. Questa sezione comprende degli “Action points”, delle azioni che l’Unione Europea ha intrapreso negli ultimi anni, tra cui anche il lancio del premio delle “Fair and Ethical cities”. E’ la prima volta che succede, ed è stato ispirato dal premio “Green capital award” ma è stato adattato al fair trade. La prima città premiata nel 2018 è Ghent e molte altre hanno avuto menzioni.
Nella strategia ci sono anche altre sezioni in cui è contenuto il Fair Trade tra cui quella chiamata Aid for Trade che promuove un ‘azione più concreta delle delegazioni europee nei paesi del sud, per promuovere progetti su Commercio Equo e Solidale a livello locale.
Si sono quindi attivati processi di dialogo anche direttamente nei paesi del Sud del mondo dove abbiamo anche i produttori”.

 

Fair Trade Breakfast, ottobre 2018

Fair Trade Breakfast, ottobre 2018

2. Quanto è stato efficace e importante avere un Working Group dedicato al Commercio Equo e Solidale, nelle istituzioni europee?
“La possibilità di avere un gruppo di lavoro dedicato al Commercio Equo e Solidale composto da parlamentari provenienti da diversi paesi e con diverse appartenenze politiche ha reso possibile un lavoro trasversale sul Fair Trade e che esula dal partito di provenienza. E’ stato quindi una buona opportunità e ora si attende la costituzione del nuovo gruppo con i nuovi partecipanti.

 

E’ stato utile avere anche la collaborazione dei network nazionali del Commercio Equo che in questi anni, hanno agito per coinvolgere e invitare i parlamentari nei momenti di incontro a livello europeo. Ad esempio le annuali colazioni equosolidali a Bruxelles. Inoltre, è molto importante il lavoro con il Parlamento poiché è difficile spesso cambiare le posizioni dei diversi paesi e per questo il lavoro locale delle organizzazioni come Equo Garantito è fondamentale per coinvolgere e informare i membri del Parlamento europeo”.

3. Con la campagna “The Fair Times” – si è cercato di coinvolgere molti candidati in diversi paesi, quali sono ora le tue aspettative sui prossimi 5 anni?
“La campagna è stata molto interessante in primo luogo perché abbiamo fatto rete e costruito una relazione con altri soggetti tra cui l’agricoltura biologica, i movimenti delle transition towns e dell’economia solidale e le organizzazioni cattoliche vicine ai nostri valori.
Costruire quindi una rete di soggetti che potessero dialogare con i candidati è stato il primo obiettivo. Ora i parlamentari decideranno a quali commissioni partecipare e quindi partiremo con il contatto con questi nuovi rappresentanti rispetto agli interessi sul fair trade nelle diverse commissioni.

Sulle priorità per i prossimi anni, credo che la sfida sarà soprattutto su due temi:
la regolazione delle filiere produttive globali e in particolare per l’approvazione di una legislazione che riguarda un trattato vincolante per il rispetto dei diritti umani da parte delle imprese, perché crediamo che per garantire il rispetto dei diritti umani nelle filiere produttive e la sostenibilità, l’approccio volontario sia importante e utile ma non è sufficiente e quindi vorremmo che anche l’Europa giocasse un ruolo in questo.

È necessario quindi creare iniziative trasversali e in vari settori per garantire il rispetto dei diritti umani nelle filiere produttive. Inoltre, dovranno essere messe in pratiche specifiche politiche per due filiere molto soggette a sfruttamento del lavoro e del territorio: il settore tessile e della produzione del cacao. È importante quindi un approccio orizzontale a tutti i settori, ma anche l’attivazione specifica su alcune filiere con strategie legislative ma anche di sensibilizzazione, finanziarie, di cooperazione.

– In ultimo vogliamo che l’Europa continui a fare le azioni importanti dette precedentemente come il premio per le città così come azioni dirette con i paesi del sud per la promozione di un commercio più equo supportando le delegazioni locale, così che le politiche attuate possano essere rafforzate”.

4. I network nazionali come il nostro, come migliorare l’attività di advocacy su temi nazionali ma anche europei?
“Beh questo è molto importante. Per prima cosa serve tenere il contatto con i parlamentari rieletti e far conoscere ai nuovi eletti chi è e cosa fa il Commercio Equo e Solidale a livello nazionale e non solo.
Allo stesso tempo è molto importante un’azione nazionale sui parlamentari locali quando si parla di politiche europee e quindi c’è la necessità di creare un ponte anche con la politica nazionale per presentare i temi europei che poi verranno discussi anche dal movimento a livello europeo”.

Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale 2019

Fair Trade Innovates – il Commercio Equo e Solidale crea innovazione – questo il claim del movimento internazionale del Commercio Equo e Solidale per il 2019.

Una giornata di celebrazione dedicata a tutti i produttori e alle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale in tutti i paesi per promuovere buone pratiche ed esempi virtuosi di economia solidale e sostenibile.

Il Commercio Equo e Solidale innova:

  • creando spazi e crescita per le donne che lavorano nelle imprese del Commercio Equo e che, in molte delle quali, sono la maggioranza
  • promuovendo la produzione che rispetta l’ambiente e basata su un modello di economia circolare. Incoraggiando la diminuzione degli sprechi, il riuso e la rigenerazione dei prodotti con materie usato o di scarto
  • portando opportunità di impresa e crescita economia in situazioni di disagio o svantaggio economico

Gli eventi internazionali delle organizzazioni e dei produttori sono moltissimi, guarda su: https://wfto.com/fairtradeday2019/ 

In Italia molte botteghe propongono colazioni, merende e appuntamenti di conoscenza dei prodotti e dei progetti del Commercio Equo con i produttori partner.

L’11 maggio entrate in bottega e scegliete un prodotto del Commercio Equo e Solidale e celebrate con noi la Giornata Mondiale del Commercio Equo e Solidale.

Alcune idee se siete da queste parti:

Ci vediamo sabato e per tutto il mese di maggio in giro per l’Italia.

 

E’ ora di Fashion Revolution – 23 e 24 aprile chiedi alla moda #whomademyclothes?

Dal 2013 dopo crollo del Rana Plaza in Bangladesh che ha causato oltre 1000 morti e più di 2000 feriti, la Campagna internazionale Fashion Revolution chiama a raccolta per una settimana, in più di 50 Paesi del mondo, tutti coloro che vogliono creare un futuro etico e sostenibile per la moda, chiedendo maggiore trasparenza lungo tutta la filiera fino al consumatore.

Il 23 e 24 aprile unisciti a Equo Garantito, Altromercato e Altraqualità per promuovere una maggiore consapevolezza rispetto a ciò che si nasconde dietro ai vestiti che indossiamo e dell’impatto globale della moda, seconda industria più inquinante al mondo dopo quella petrolifera.

Qual’è il nostro obiettivo?

Catalizzare un cambiamento positivo nella moda e dimostrare come un nuovo modello economico ed un consumo responsabile sono possibili, attraverso la valorizzazione di realtà che realizzano capi secondo una filiera etica, come avviene nel Commercio Equo e Solidale.

Come fare per partecipare alla Fashion Revolution?

Per far parte del grande movimento che nella settimana tra il 22 e il 28 aprile sarà visibile in tutto il mondo, basterà indossare gli abiti al contrario, con l’etichetta bene in vista, fotografarsi e condividere le foto attraverso i social media con l’hashtag #WhoMadeMyClothes e #FashRev , taggando Altromercato, AltraQualità ed Equo Garantito.
Moltissime botteghe che aderiscono all’iniziativa in tutta Italia vi aspettano, in particolare nelle giornate del 23 e 24 aprile.

 

A questo LINK scopri come partecipare 

 

Quindi se non l’hai ancora fatto comincia da oggi scegliendo i capi di moda da filiera etica, o di seconda mano e consumando in modo sostenibile.

Non mancate il 23 e il 24 aprile nelle Botteghe Altromercato,  nelle Botteghe di Equo Garantito e fotografatevi con il cartello ufficiale della campagna.

#WhoMadeMyClothes

The Fair Times – lo sguardo all’Europa del 2024 più equa e sostenibile

COMUNICATO STAMPA
Un’Europa più equa e sostenibile è quello che chiediamo ai prossimi parlamentari europei

Il movimento del Commercio Equo e Solidale insieme ad altre organizzazioni della società civile  europea, tra le quali CIDSE e FOCSIV, lanciano la campagna “The Fair Times” per chiedere  un’Europa più equa e sostenibile entro il 2024.

Milano, 18 aprile 2018 – Cinque organizzazioni europee della società civile hanno unito le forze per sollecitare i prossimi candidati alle elezioni europee sul tema della produzione e del consumo responsabili. The Fair Times è la campagna che le unisce in vista delle elezioni del 26 maggio 2019 che rinnoveranno il Parlamento europeo fino al 2024.

Sergi Corbalán, direttore esecutivo del Fair Trade Advocacy Office (FTAO) spiega: “Abbiamo pensato ad una campagna che parli a nome di molte organizzazioni della società civile europea e che danno voce alle proposte di trasformazione europea per un modello di produzione e consumo sostenibili e responsabili per l’uomo e per il pianeta”.

Equo Garantito, Fairtrade Italia, FOCSIV e Associazione Botteghe del Mondo, rilanciano in Italia la campagna “The Fair Times” promossa a livello europeo dal Fair Trade Advocacy Office, da IFOAM – organizzazione per l’agricoltura biologica, CIDSE (International family of Catholic social justice organisations), RIPESS Europe (la rete Europea per la promozione dell’economia solidale e sociale) ed ECOLISE (la rete europea delle iniziative di comunità sulla sostenibilità e la lotta al cambiamento climatico) per agire sui candidati e le candidate italiani.

La coalizione ha redatto e promosso “The Fair Times” un giornale ambientato nel 2024, anno nel quale terminerà il prossimo mandato legislativo, e ha l’obiettivo di fornire molti esempi di cosa può essere trasformato in termini di politiche adottate dall’Unione Europea per raggiungere la sostenibilità nella produzione e nei consumi.

Gli strumenti della campagna sono stati realizzati per i candidati al fine di fornire ispirazione per azioni concrete da realizzare una volta eletti al Parlamento Europeo. Si parla di tematiche come l’agricoltura biologica, la finanza etica e le iniziative locali per promuovere gli acquisti pubblici. Il giornale descrive le diseguaglianze e le differenze di potere nelle filiere produttive, promuove la solidarietà sociale delle imprese e richiama l’attenzione sull’azione di difesa delle risorse naturali costantemente minacciate.

Giovanni Paganuzzi presidente di Equo Garantito afferma che: “l’impegno delle organizzazioni italiane di Commercio Equo e Solidale per la costruzione di una società più giusta e sostenibile è sempre stato al centro delle nostre attività. L’attivazione e il dialogo con le istituzioni sui temi chiave dello sviluppo locale e globale è una delle strade da perseguire per promuovere politiche di cambiamento anche a livello Europeo”.

“Interpretare la sostenibilità dalla parte degli agricoltori è la sfida che il prossimo Parlamento europeo dovrà affrontare: il commercio equo certificato si impegna da sempre per creare le condizioni affinché i contadini siano più forti e in grado di sostenere produzioni nel rispetto di standard ambientali, sociali ed economici”, spiega Giuseppe Di Francesco, presidente di Fairtrade Italia.

“Focsiv è impegnata da tempo nell’accompagnare le comunità più povere e vulnerabili a migliorare le loro condizioni di vita, e ciò richiede un forte impegno a trasformare un sistema di produzione e consumo che sfrutta le loro risorse in modo sostenibile. È per questo che le prossime elezioni del Parlamento europeo rappresentano un momento di cittadinanza attiva: i candidati dovranno informare sui loro programmi politici di trasformazione di un modello di produzione e consumo ingiusto e insostenibile, per rispondere alla crescente pressione dei giovani e delle comunità sfruttate.”  sottolinea Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV.

“L’occasione delle elezioni europee è importante e imprescindibile per un futuro più equo, con una maggiore giustizia sociale. Le decisioni politiche sono l’ossatura istituzionale delle buone pratiche dei territori che le organizzazioni di commercio equosolidale promuovono. È fondamentale quindi, rilanciare il ruolo centrale delle istituzioni europee, come attivatori dei processi di sviluppo sostenibile, l’unico possibile per l’uomo e per il pianeta”, conclude Massimo Renno, presidente di Associazione Botteghe del Mondo.

Le elezioni europee sono un momento decisivo in cui i cittadini e la società civile possono far sentire la propria voce votando e mettendo al centro temi fondamentali per lo sviluppo dell’Europa. Attraverso la promozione delle buone pratiche che esistono in Europa e chiedendo una maggiore attenzione per le politiche ambientali, l’obiettivo della campagna è motivare i candidati a capire l’impatto degli attuali modelli di produzione e consumo. In tal senso, se eletti, attraverso il loro impegno ci potranno essere cambiamenti reali del processo decisionale a livello europeo.

The Fair times è stato realizzato grazie al contributo dei partner del network sopra citato e nell’ambito del progetto “Trade Fair Live Fair” EC-finanziato dalla EU Development Education and Awareness-Raising Programme. Maggiori info al sito www.thefairtimes.eu.

Per maggiori informazioni:

Cristina Sossan – Equo Garantito – cristinasossan@equogarantito.org, 349. 7829291

Elena Guzzonato – Fairtrade Italia – stampa@fairtradeitalia.it – 340.9832227

Giulia Pigliucci – Focsiv – ufficio.stampa@focsiv.it – 335.6157253

Gabriella D’Amico – Associazione Botteghe del Mondo – gabriella.damico2008@gmail.com – 335.6339542

Equo Garantito è l’associazione di categoria delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane. Rappresenta nel Paese, nella società civile, con i media e le istituzioni locali e nazionali le esperienze e la cultura dei suoi Soci: organizzazioni non profit e Botteghe del Mondo che promuovono i prodotti e i principi di un’economia di giustizia fondata sulla cooperazione e su relazioni paritarie tra i soggetti che partecipano alla realizzazione di un bene. È depositaria della Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale e gestisce il Registro Italiano delle Organizzazioni di Commercio Equo e Solidale attraverso un sistema di controllo certificato.

Fairtrade Italia è il consorzio che dal 1994 rappresenta e promuove il Marchio di Certificazione Fairtrade e i valori del Commercio Equo e Solidale certificato sul territorio italiano. I soci di Fairtrade Italia sono organizzazioni non governative, associazioni, cooperative, consorzi e società che sostengono il Commercio Equo e Solidale, la cooperazione internazionale, l’azione sociale, la finanza etica, il rispetto dell’ambiente e la tutela dei consumatori.

FOCSIV è la Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario, oggi ne fanno parte 86 Organizzazioni che operano in oltre 80 paesi del mondo. Dalla sua nascita, nel 1972, FOCSIV e i suoi Soci, hanno impiegato 27.000 volontari internazionali e giovani in servizio civile che hanno messo a disposizione delle popolazioni più povere il proprio contributo umano e professionale. Un impegno concreto e di lungo periodo in progetti di sviluppo nei settori socio-sanitario, agricolo-alimentare, educativo-formativo, di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, di difesa dei diritti umani e della parità di genere, di rafforzamento istituzionale.

Associazione Botteghe del Mondo nasce nel 1991 come telaio per tessere tra le Botteghe del Mondo una rete di economia solidale sui territori e promuovere il Commercio Equo e Solidale, a tutti i livelli. Ha contribuito alla scrittura della Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale ed è proprietaria dei marchi Bottega del Mondo e di Tuttaunaltracosa, la fiera nazionale del Commercio Equo e Solidale.

Opportunità di lavoro al Fair Trade Advocacy Office

Il Fair Trade Advocacy Office cerca una persona da inserire nello staff.

La figura richiesta deve essere molto motivata, con alte capacità organizzative e competenze diplomatiche, capace di lavorare in situazioni di stress gestendo il proprio tempo e priorità.

Tutti i dettagli della posizione e la proposta contrattuale sono visibili QUI.

Per informazioni:

projects@fairtrade-advocacy.org / www.fairtrade-advocacy.org

Bando aperto per ospitare il prossimo Fair Trade International Symposium

E’ aperta la call per la ricerca dell’ente ospitante del prossimo Fair Trade Symposium – l’incontro di ricercatori ed esperti sul Commercio Equo e Solidale a livello internazionale.

L’edizione 2018 si è tenuta presso l’Università di Portsmouth e ha visto oltre 80 partecipanti confrontarsi su innovazione e buone pratiche in materia di Fair Trade europeo e internazionale.

Ospitare l’incontro permette di ampliare la rete di conoscenze e di ricerca legata al Commercio Equo e Solidale e di collegarsi a nuovi partner e soggetti internazionali che stanno sperimentando modelli di produzione sostenibili ed equi.

Cosa fare per candidare Università o enti interessati?

Per partecipare alla selezione di ente ospitante basta inviare una lettera di motivazione di 500 battute allegando le risposte agli 8 criteri di ammissione richiesti e la lettera di conferma da parte dell’istituzione che si intende presentare.

Le domande per ospitare il prossimo incontro dovranno pervenire al Fair Trade Advocacy Office entro il 15 Aprile 2019.

QUI il link alla call for host con tutti i dettagli e le specifiche.

 

Per informazioni scrivere a: corbalan@fairtrade-advocacy.org oppure a web@equogarantito.org.

Dichiarazione Universale dei Diritti Umani – oggi sono 70 anni

Oggi ricorre il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, un documento storico che ha ancora oggi, altissima rilevanza e importanza. Un Dichiarazione firmata nel 1948 che per la prima volta riconosce a livello universale i diritti della persona.

In questa giornata, il movimento del Commercio Equo e Solidale ribadisce che non ci può essere il rispetto dei diritti umani senza la realizzazione di un modello economico più equo e solidale, che metta al centro i diritti delle persone e dell’ambiente. 

Il Commercio Equo e Solidale a livello internazionale fonda i suoi 10 principi sui diritti umani essi sono la nostra dignità collettiva.

Erinch Sahan – direttore di WFTO – Organizzazione Mondiale del Commercio Equo e Solidale – afferma che i diritti umani sono la nostra dignità collettiva e che le imprese di Commercio Equo e Solidale creano economia e valore mettendo al centro gli interessi e la voce delle persone che lavorano nelle organizzazioni.

E’ attraverso le continue verifiche su tutta la filiera produttiva che il Commercio Equo e Solidale monitora il rispetto e la promozione dei diritti umani, poiché la missione delle imprese del Commercio Equo è quella di creare opportunità di riscatto e sviluppo economico e sociale per artigiani, contadini e piccoli produttori, combattendo pregiudizi, differenze, sfruttamento e promuovendo equità e accesso ai diritti.

L’attività dell’impresa di Commercio Equo e Solidale ha come obiettivo il raggiungimento di un impatto sociale positivo per i lavoratori nelle proprie comunità, favorendo processi di rafforzamento della partecipazione al mercato e ai processi decisionali, l’empowerment femminile, il rispetto delle minoranze e il riconoscimento dei diritti umani in generale.

Quest’anno ricorre anche il 20°anniversario della Dichiarazione ONU sui difensori dei diritti umani che mira a proteggere tutti coloro che lavorano per l’ottenimento dei diritti umani.

E’ a loro che pensiamo in questa giornata, ad esempio ai colleghi e amici delle filippine del Panay Fair Trade Center o ai produttori colombiani della Comunidad de San Jose de Apartadò, che attraverso il lavoro delle loro organizzazioni sono ogni giorno l’ esempio concreto della difesa e della promozione dei diritti umani in contesti in cui le violazioni sono continue e causa di morti e violenze.

 

UNCTAD e il Fair Trade Advocacy Office al lavoro per garantire maggiori benefici dalle pratiche commerciali

Il 19 ottobre scorso a Madrid durante la 12°conferenza internazionale delle Fair Trade Towns, UNCTAD – la conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo e il Fair Trade Advocacy Office hanno firmato un Memorandum of Understanding per garantire migliori condizioni di lavoro e benefici derivanti dalle attività commerciali per tutti i lavoratori e produttori.

I rappresentanti delle due organizzazioni Isabel Durant segretario generale di UNCTAD e Sergi Corbalan direttore di FTAO – presenti a Madrid confermano la volontà di proseguire il lavoro mettendo al centro i valori del Fair Trade.

Un passo importante e un risultato concreto della continua attività di advocacy portata avanti da tutto il movimento internazionale del Commercio Equo e Solidale.

Qui il comunicato stampa e le dichiarazioni delle organizzazioni.

 

In viaggio con i produttori di Cacao della Colombia

Equo Garantito ospita in Italia, 2 rappresentanti della Comunidad de Paz di San Josè de Apartadò –  tra il 17 settembre e il 16 ottobre.

Insieme ai soci, Quetzal Modica, La bottega della Solidarietà – Sondrio, Il Sandalo – Saronno, La Bottequa – Usmate Velate, Associazione Qui e Là – Boves, Unicomondo – Vicenza, Altromercato – Verona, Libero Mondo – Cuneo, abbiamo organizzato un tour di visite ed eventi in diverse città d’Italia per scoprire di più sul Cacao Fair Trade prodotto in Colombia, in una delle zone più difficili del paese e conoscere da vicino uno dei progetti del Commercio Equo e Solidale.

L’esperienza della Comunidad de Paz è un simbolo della resistenza non violenta della Colombia.

Dal 1997 gli abitanti praticano la difesa popolare nonviolenta nel conflitto armato colombiano e rappresentano un processo di resistenza alla guerra, di neutralità contro gli attori armati, per continuare a vivere sulle terre della comunità. La Comunidad de Paz, nasce a fronte delle continue aggressioni che i contadini  dovettero affrontare, tra cui gli atti di barbarie commessi dai paramilitari, dai militari e dalla guerriglia, che hanno causato circa 190 vittime ed oltre 500 violazioni dei diritti umani agli abitanti della regione. Oggi promuove processi che consentono l’autosostentamento, la sovranità e la sicurezza alimentare, dall’agricoltura, alla cura della terra, al Commercio Equo. Dal lavoro di gruppo, vengono coltivati diversi prodotti, come mais, manioca, banana, fagioli, caffè, riso, avocado, frutto della passione, melo. Si lavora anche nell’allevamento di pollame, suini, allevamenti ittici, di bestiame e cavalli.

Il Cacao Equo e Solidale è tra i prodotti che garantiscono sostentamento economico per la Comunità e Jose Roviro Lopez –
Consigliere della Comunità di Pace, coordinatore della comunicazione e parte del gruppo amministrativo e Levis Flórez Ramos, Consigliere e consulente legale della Comunità di Pace, coordinatore dei gruppi di lavoro,
 ci racconteranno le fasi di lavorazione, i progetti e il rapporto con le organizzazioni italiane per la commercializzazione del prodotto.

Il tour equosolidale dei due produttori, realizzato anche con la preziosa collaborazione di Operazione Colomba e della Rete Italiana Colombia vive!, prevede tappe nelle scuole per parlare con i più giovani, eventi serali, incontri pubblici e istituzionali.

17 settembre mattina, SARONNO – A scuola con i giovani cuochi dell’istituto Alberghiero Collegio Arcivescovile di Saronno – organizzato da Il Sandalo, Saronno

17 settembre ore 21.00, SONDRIO, sala Vitali, via delle Pergole: “Chocopaz: esistere e resistere in Colombia.
Il cacao protagonista di una filiera di pace che arriva fino a Modica in Sicilia”, organizzato da Bottega della solidarietà, Sondrio

18 settembre dalle ore 19.45, Villa Scaccabarozzi, USMATE VELATE – Incontri e degustazioni dal titolo “Il coraggio del Cioccolato”, organizzato da La Bottequa di Usmate Velate

20 – 24 settembre – Vi aspettiamo agli incontri a Terra Madre con Equo Garantito

24 settembre ore 21.00, teatro Borelli, BOVES (Cn): CIOCCOLATO di PACE (Chocolate de paz) – l’esperienza della Comunità di produttori del Commercio Equo di San Josè de Apartadò in Colombia. Oragnizzato da Associazione Qui e Là.

13 ottobre, VERONA: Altromercato Campus. A breve il programma. Organizzato da Altromercato

15 ottobre, ore 20.30 presso Centro Arnaldi, DUEVILLE (VI): A breve il programma. Organizzato da Unicomondo.

Vi aspettiamo.

Il Commercio Equo a Terra Madre – il programma

Ci siamo!

Dal 20 al 24 settembre a Torino a Terra Madre Salone del Gusto 2018 ci sarà anche Equo Garantito per parlare di Commercio Equo e Solidale, filiere eque e sostenibili e Territori Equosolidali.

Lo stand ospiterà numerose attività tra degustazioni e visite tematiche e si concentra sul tema “Scegli Equo – Cambia il futuro”.

Il Commercio Equo si presenta al pubblico accompagnato da alcune delle organizzazioni che importano, lavorano, producono e distribuiscono i prodotti equo solidali in Italia: Libero Mondo, Equo Mercato, Altromercato, Altraqualità e Quetzal Modica, e insieme ad alcuni produttori della Colombia e del Benin.

Per informazioni scrivere a web@equogarantito.org.

QUI il programma degli orari e i temi proposti.

Il Cacao Equo e Solidale
A cura di Quetzal Modica – “Cacao di pace dalla Colombia: un aroma intenso in tutti i sensi”.
Un viaggio nel mondo del cacao sudamericano prodotto in Colombia, nella cornice molto particolare di un paese in conflitto per oltre 50 anni e che solo nel 2016 ha intrapreso un percorso di pacificazione interna. Quetzal Modica, cooperativa siciliana che produce solo prodotti con Cacao Equo Solidale ci fa conoscere una delle filiere più interessanti attraverso la voce dei produttori colombiani della Comunidad de San Jose de Apartado che saranno presenti allo stand e con cui hanno stretto un’importante collaborazione negli ultimi anni.

Giovedì 20 dalle 14.00 alle 14.30, dalle 17.00 alle 17.30
Venerdì 21 dalle 10.30 alle 11.00 e dalle 17.00 alle 17.30
Sabato 22 dalle 11.00 alle 11.30, dalle 18.00 alle 18.30
Domenica 23 dalle 10.30 alle 11.00, dalle 14.00 alle 14.30, dalle 17.00 alle 17.30
Lunedì 24 15.30 alle 16.00, dalle 13.00 alle 13.30

La pasticceria italiana Equo Solidale di Libero Mondo
A cura di Libero Mondo – “Gli ingredienti Equo Solidali per la pasticceria”
Libero Mondo, cooperativa di importazione e trasformazione di prodotti di Commercio Equo e Solidale presenta come viene lavorato il cacao che arriva in Italia dai produttori del sud. Come si fa un bacio di dama? E i biscotti con gocce di cioccolato? Un percorso di degustazione per conoscere alcuni tra i migliori prodotti di Commercio Equo e Solidale e della tradizione.

Giovedì 20 dalle 15.30 alle 16.00, dalle 18.00 alle 18.30
Venerdì 21 dalle 12.00 alle 12.30, dalle 15.30 alle 16.00 e dalle 20.00 alle 20.30
Sabato 22 dalle 13.00 alle 13.30, dalle 18.00 alle 18.30, dalle 20.00 alle 20.30
Domenica 23 dalle 13.30 alle 14.00, dalle 16.00 alle 16.30, dalle 19.30 alle 20.00
Lunedì 24 dalle 11.00 alle 11.30, dalle 14.00 alle 14.30

I prodotti del Baobab albero simbolo dell’Africa: scopriamo tutti i suoi frutti.
A cura di Equo Mercato: I prodotti magici dall’Albero Magico
Il Baobab, conosciuto ancora da pochi, è un frutto la cui polpa e i semi possono essere utilizzati in diversi modi: per la cucina per la cosmesi e per le bevande. Un percorso sensoriale per scoprire com’è fatto il frutto di baobab e provare i prodotti che Equo Mercato trasforma e porta in Italia nelle botteghe del Commercio Equo e Solidale.

Giovedì 20 dalle 13.00 alle 13.30, dalle 19.30 alle 20.00
Sabato 22 dalle 10.30 alle 11.00, dalle 17.00 alle 17.30, dalle 19.00 alle 19.30
Lunedì 24 dalle 13.00 alle 13.30, dalle 15.00 alle 15.30

Il benessere che aiuta a vivere meglio: le tisane del Commercio Equo e Solidale
A cura di AltraQualità: Armonia Ayurvethica
Le tisane e gli integratori sono tra i più pregiati prodotti del Commercio Equo e Solidale poiché tante delle materie prime utilizzate per produrle provengono da agricoltura tradizionale, sostenibile e che valorizza tecniche di produzione locale. AltraQualità presenta la linea Ayurvethica che fornisce un aiuto importante al mantenimento del benessere e dell’equilibrio dell’organismo tutto l’anno – è una linea UNICA poiché unisce prodotti biologici di erboristeria e quelli equosolidali, unendone le caratteristiche di entrambe.

Domenica 23 dalle 15.30 alle 16.30, dalle 20.00 alle 20.30
Lunedì 24 dalle 12.00 alle 12.30, dalle 16.30 alle 17.00

Dolcezze di caffè: un viaggio nel gusto con i monorigine Altromercato
A cura di Coop. Mondo Nuovo Altromercato
Il caffè, bevanda irrinunciabile per molti di noi, ha spesso un sapore amaro per chi lo produce. I produttori sostenuti dal Commercio Equo e Solidale di Altromercato provengono da diversi paesi e producono qualità di caffè pregiate e rispettose dell’ambiente.

Venerdi 21: ore 17.30

Per informazioni su prenotazioni visite per le classi o gruppi scrivere a web@equogarantito.org.


Qui il programma delle conferenze.

Filiere eque e sostenibili: concreto sostegno per le produzioni eque e responsabili e come garantire un consumo consapevole.

Giovedì 20 settembre, Sala Arancio alle ore 10.30 

Modera: Giorgio Dal Fiume – responsabile ricerca fondi Altromercato e consigliere di Equo Garantito

Ne parliamo con:

  • Luca Gioelli, Responsabile Cooperativa Libero Mondo
  • Gbaguidi Brice Valentin, Presidente della cooperativa Le Baobab (Benin) ed Equo Mercato
  • Lewis Florez Ramos, Comunidad de Paz di San Jose de Apartado, Colombia
  • Sara Ongaro, Quetzal Modica

Il cibo come motore di pace, di sviluppo locale e di contrasto alla crisi

Venerdì 21 settembre, presso l’Arena di Terra Madre, ore 13.00

Modera: Pietro Raitano, direttore di Altreconomia

Ne parliamo con:

  • Jean Pierre Kapalay, Condotta Slow Food Kalemie (Repubblica Democratica del Congo)
  • Vittorio Rinaldi – Equo Garantito ed esperto in progetti di cooperazione internazionale e di Commercio Equo e Solidale
  • Jose Lopez Rivera, rappresentante dei produttori Comunidad de Paz di San Jose de Apartado (Colombia)
  • Gbaguidi Brice Valentin, Presidente della Cooperativa “Le Baobab” di donne trasformatrici di baobab (Benin).

QUI il link al sito di Terra Madre


Territori Equosolidali – dalle amministrazioni locali al cittadino. Le proposte del Commercio Equo e Solidale per il futuro sostenibile

Lunedì 24 settembre, sala Conferenze del Camplus Lingotto, ore 10.30, via Nizza 230

A breve il programma completo.