Ancora articoli per saperne di più sui produttori dei soci Equo Garantito

Dopo l’inchiesta di Report, riportiamo alcuni articoli in cui vengono presentati i produttori di cacao dei nostri soci e maggiori dettagli sul sistema di garanzia.

Buona lettura.

Cioccolato “amaro”-  l’inchiesta di Report e le certificazioni equo e solidali

Equo Garantito ribadisce il ruolo e le opportunità create dal Commercio Equo e Solidale italiano

(Milano, 24 ottobre 2017) L’inchiesta del programma Report andata in onda il 23 ottobre su Rai 3, riaccende i riflettori su una tematica chiave del nostro lavoro – la certificazione dei prodotti e dei produttori di commercio equo e solidale e le modalità con cui ogni giorno le nostre organizzazioni e i nostri partner lavorano per produrre beni alimentari e non solo. La puntata denuncia alcune violazioni e infrazioni degli standard in due cooperative in Costa d’Avorio e come abbiamo appreso già oggi da Fairtrade Italia, il Circuito internazionale Fairtrade ha già avviato la procedura di controllo rispetto a quanto è stato mostrato, perché l’obiettivo è la massima trasparenza sulle filiere.

Il servizio di report ci “chiama in causa” – per le ripercussioni che tale inchiesta potrebbe avere sul lungo e importante lavoro delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale. Le organizzazioni di Commercio Equo, infatti hanno come scopo istituzionale quello di accompagnare il produttore svantaggiato nell’accesso al mercato sulla base di accordi diretti che tengano in debito conto l’interesse del produttore e del suo sviluppo, nonché l’interesse del consumatore (e di tutti) a una produzione sostenibile per l’ambiente  e per la comunità umana in cui è inserito quel produttore. In questo sta anzitutto l’eticità del nostro agire e dei nostri prodotti.

Il controllo sulla filiera è frutto della relazione diretta e costante col produttore, che è un partner e non un semplice fornitore. Ciò rende molto più impegnativo e costoso il rapporto commerciale, ma più facilmente orientabile agli scopi per la quale quella relazione è nata e si è sviluppata. Tutto ciò nella piena consapevolezza che lo sviluppo di questa relazione equa è frutto di un processo, non di una trasformazione immediata, e che perciò dobbiamo saper accettare errori e incongruità.

Quanto alla certificazione di prodotto, cui più direttamente si riferiva l’inchiesta di Report, essa deve fare i conti con la circostanza che il marchio di garanzia viene utilizzato anche da imprese lucrative che non hanno quale scopo principale lo sviluppo del produttore e non possono svolgere un controllo quotidiano sulle filiere. Si tratta di aspetti che possono comportare la possibilità che qualche produttore in alcune occasioni e in alcuni momenti non rispetti gli impegni assunti. Tale rischio è inoltre insito in tutti sistemi di certificazione.

Resta il fatto che la certificazione di prodotto è stata fino ad oggi uno strumento molto importante per orientare il modo di produrre delle grandi imprese transazionali nel settore delle commodities verso modalità meno predatorie e per migliorare le condizioni di vita di migliaia di produttori agricoli dei paesi del Sud del Mondo. Inoltre, essa è anche una risposta alla crescente domanda di eticità da parte dei consumatori responsabili e attenti all’impatto dei propri acquisti.

Crediamo inoltre di non essere presuntuosi nel pensare che la crescita di questa consapevolezza sia stata anche il frutto di anni di campagne di sensibilizzazione e di informazione che il movimento del Commercio Equo e Solidale nel suo complesso ha svolto.

Il Commercio Equo e Solidale ha come principale obiettivo quello di favorire una relazione economica paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena produttiva e di commercializzazione e di promuovere giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile e rispetto per le persone attraverso il commercio.

Lavorare con i soggetti più deboli ai margini del sistema economico e che spesso non riescono ad entrare nel mercato è la sfida principale e per garantire che si costruiscano percorsi di sviluppo responsabili ed equi, ci basiamo sempre sulle regole e i pilastri fondanti definiti a livello internazionale da WFTO – Organizzazione Mondiale del Commercio Equo e Solidale (di cui siamo soci) e in modo partecipato e trasparente fra tutti i soggetti tra cui anche i produttori del sud che sono parte integrante del sistema.

I progetti di Commercio Equo e Solidale nel sud continuano a crescere, nel 2015 le importazioni dei soci di Equo Garantito, sono cresciute a quasi 13 milioni di euro mentre nel 2013 erano poco più di 11 milioni ed è cresciuto anche il numero dei partner a 206 produttori, e per moltissimi consumatori sia Italia che nel resto del mondo, scegliere i prodotti equo e solidali è un’azione concreta e percorribile per cambiare l’economia e cercare progetti e imprese più responsabili nei confronti dei lavoratori dei paesi del Nord e del Sud del mondo.

Siamo contenti che la redazione di Report si unisca ai nostri sforzi per sensibilizzare sulle criticità della filiera del cacao. Avremmo però preferito vedere una rappresentazione più equilibrata dei soggetti coinvolti distinguendo chi le criticità etiche di questa filiera le genera ed alimenta e chi, seppur in modo imperfetto, lavora per migliorare la situazione.

Il lavoro di tutto il movimento del Commercio Equo e Solidale è continuo, e da più parti, questa pratica è considerata tra i principali strumenti per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Riteniamo quindi che questa sia sempre di più una delle soluzioni da promuovere e applicare per far crescere in modo equo l’economia e la società. Noi continueremo a farlo e a tenere alta l’attenzione su questi temi. Speriamo che Report faccia altrettanto.

Info – web@equogarantito.org

TuttaUnAltraCosa 2017 – Fiera del Commercio Equo – 22,24 settembre Osnago

Torna anche quest’anno la Fiera del Commercio Equo Solidale Tuttaunaltracosa 2017.

La location della Fiera è cambiata – ci trovate qui –

Tuttaunaltracosa –  Fiera di Osnago

Via Martiri della libertà 12 -23875 – Osnago (Lecco)

In auto da Milano, tangenziale est direzione Lecco. Al casello di Agrate proseguire dritti sempre in direzione Lecco per 10 Km

In Treno

Dalla Stazione di Milano Porta Garibaldi (MM2 – Verde, due fermate da Milano Centrale) collegamenti ogni 30-60 minuti con la Stazione di Osnago. L’organizzazione ha poi istitutio un servizio navetta in minibus per facilitare l’accesso alla Fiera (3 minuti di auto, autobus ad ogni arrivo di treno dalle 9:30 alle 21:30

La Fiera è promossa da Assobotteghe insieme a Equo Garantito con il patrocinio di Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia.

Tutte le informazioni e il programma a questo link.

Vi aspettiamo!

Enti locali e Commercio Equo: il binomio perfetto per gli SDGs

L’Agenda 2030 ci chiede di essere attivi e di spendere risorse umane, finanziarie e sociali per arrivare a costruire città sostenibili e resilienti e garantire uguali diritti a tutti/e i cittadini/e e abitanti del pianeta.

Ormai da più di 25 anni si cerca di promuovere lo sviluppo sostenibile in tutti i campi e settori, e la sfida degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile è urgente e allo stesso tempo impossibile da superare se non si costruiscono partnership durature ed efficaci.

Il Commercio Equo e Solidale, propone alcuni spunti per migliorare e concretizzare la collaborazione con gli Enti Locali attraverso il toolkit “Raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile attraverso il Commercio Equo” – realizzato da Equo Garantito, Fairtrade Italia e Associazione botteghe del Mondo Italia.

Il kit propone pratiche facilmente attuabili per rendere davvero visibili i cambiamenti verso città più accoglienti, sostenibili e inclusive e propone l’approccio di diritti e del Commercio Equo come base per la pianificazione delle politiche locali.

QUI il Kit – e vi aspettiamo alla presentazione il 13 settembre, h.14.30 a Torino in via Corte d’appello 16.

ICEA premia il sistema di monitoraggio di Equo Garantito

Dopo la verifica annuale al sistema di monitoraggio proposto dalla nostra organizzazione verso i propri soci al fine di garantire la corretta applicazione delle regole sul Commercio Equo e Solidale, ICEA conferma l’ottimo funzionamento del sistema e dei risultati.

Un lavoro costante di verifica continua che Equo Garantito porta avanti per sostenere i propri soci nel lavoro quotidiano di promozione e sviluppo del Commercio Equo e Solidale secondo le regole condivise nella Carta italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale e nei confronti dei cittadini/consumatori per assicurare che i prodotti del Commercio Equo a loro disposizione rispettino gli standard nazionali e internazionali del nostro movimento.

Da alcuni mesi inoltre è possibile trovare il marchio Equo Garantito sui prodotti del Commercio Equo e Solidale dei nostri soci. Un’ulteriore conferma e garanzia del processo e delle organizzazioni che fanno Commercio Equo in Italia da più di 20 anni ormai.

Tra questi segnaliamo, ad esempio, i nuovi integratori alimentari AltraQualità e a breve le loro tisane Ayurvethica, i baci di dama LiberoMondo, il caffé El Bosque e +9 di Shadhilly.

I soci sono i soggetti più importanti del sistema e grazie a loro garantiamo prodotti, diritti e sostenibilità ambientale.

 

Hai tra i 15 e i 29 anni e sei interessato/a a partire per la EU con il Commercio Equo?

Equo Garantito partecipa al bando promosso da Enaip Veneto, per la selezione di 8 giovani, tra i 15 e i 29 anni, che avranno la possibilità di partecipare ad un percorso gratuito di formazione di lingua inglese della durata di 80 ore con certificazione finale e di fare un’esperienza della durata di 3 mesi in un Paese E.U., presso un’impresa o un’organizzazione partner che opera nell’ambito della cooperazione internazionale o del commercio equo e solidale, realizzato grazie al programma Garanzia Giovani Veneto.

Per conoscere i dettagli del percorso e le modalità di partecipazione, scarica il bando e la domanda di partecipazione.
Le candidature dovranno essere inviate entro venerdì 10 marzo 2017.
Bando di selezione: link download file
Domanda di partecipazione: link download file
La tua azienda/organizzazione è interessata ad accogliere un tirocinio? Leggi qui

Per informazioni: CLICCA QUI

 

Equo Garantito al Festival Equo e Sostenibile di Taranto – 3 e 4 dicembre

Il 3 dicembre prende il via il Festival regionale pugliese dell’economia sostenibile – EQUOSOLIDARIA 2016

Equo Garantito sarà presente al dibattito domenica 4 dicembre con interventi del Presidente Giovanni Paganuzzi e di Giorgio Dal Fiume membro del consiglio direttivo e Presidente di WFTO – Europe.

Il festival è organizzato dal nostro socio Equociqui, è promosso e sostenuto dalla Regione Puglia nell’ambito delle giornate di sensibilizzazione previste dalla legge regionale sul commercio equo.

Clicca QUI per tutto il programma

Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Oggi è la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne – il Commercio Equo e Solidale sostiene e realizza da sempre progetti che promuovono la parità di genere e i diritti delle donne nei luoghi di lavoro e di produzione, migliorando così la loro condizione sociale e familiare.

Per celebrarla, vogliamo segnalare la proposta di WFTO Asia, che lancia una campagna di sensibilizzazione che parte oggi e dura 15 giorni e propone alcuni spunti importanti per combattere la violenza sulle donne e promuovere diritti e opportunità per tutte anche attraverso il Commercio Equo e Solidale, in linea con i 10 principi del nostro movimento.

Leggi QUI lo statement di WFTO Asia

 

Localising the SDGs through Fair Trade – scarica il toolkit

Il 12 ottobre al Parlamento Europeo, durante le Colazioni Eque, il Fair Trade Advocacy Office ha presentato il toolkit “Localising the SDGs through Fair Trade lo strumento a supporto della concretizzazione degli obiettivi di sostenibilità globali, per le pubbliche amministrazioni.

Il manuale fornisce indicazioni e buone pratiche in diverse aree e settori di attività della politica a livello locale dal public procurement, allo sviluppo economico locale, la cooperazione internazionale, le attività di sensibilizzazione e l’impegno di diversi stakeholder. Le esperienze riportate raccontano esempi e pratiche implementate in diversi paesi e dovrebbero aiutare i funzionari a livello locale nel programmare e definire modalità per raggiungere e concretizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Inoltre, il Commissario Europeo Cecilia Malmstrom ha pubblicamente annunciato che si sta lavorando per un nuovo Premio Europeo per città Etiche ed Eque, all’interno della “Trade for all Strategy”.

Equo Garantito era presente all’incontro ed ha dialogato con i parlamentari italiani che hanno aderito all’invito supportando la richiesta di promuovere il premio anche a livello nazionale e di sostenere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile attraverso il Commercio Equo e Solidale come proposta concreta per raggiungere i risultati previsti dall’Agenda 2030.

Qui il link per scaricare il Toolkit

Qui il Comunicato lanciato il 12 ottobre

Qui le foto degli eventi realizzati a Bruxelles

Ecco qui tutti i risultati del bando Micro azioni locali

Saranno premiati oggi al termine della tavola rotonda sulla Food Policy e buone pratiche locali, organizzata da Equo Garantito e dal Comune di Milano, i 3 vincitori del concorso “Micro azioni locali per un sistema alimentare più equo e sostenibile”

Qui la classifica di tutti i voti pervenuti.

I progetti selezionati per la seconda fase hanno ricevuto più di 3000 voti.
Ci complimentiamo con tutti i partecipanti per la qualità delle azioni proposte e speriamo di poterne dare visibilità in diversi modi.