Scopri i punti vendita

Il messaggio del Commercio Equo e Solidale in occasione di COP25

Non c’è resilienza climatica senza giustizia nel commercio. I piccoli produttori devono essere al centro delle negoziazioni per la crisi climatica globale”. È questo il focus del messaggio del movimento internazionale del Commercio Equo e Solidale – sottoscritto anche da Equo Garantito – in occasione di COP25, la 25esima Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) che si apre oggi 2 dicembre a Madrid e continua fino al prossimo 13 dicembre.

I piccoli agricoltori si trovano a combattere sempre di più con siccità, inondazioni ed imprevedibili cambiamenti del clima. Un’azione urgente, concreta e ambiziosa è ora necessaria. Per questo, le organizzazioni firmatarie sollecitano le Parti presenti a COP25 a riconoscere politiche e pratiche commerciali eque in quanto importanti componenti delle strategie di mitigazione e adattamento climatici. È altresì fondamentale affrontare le tematiche di pratiche commerciali ingiuste, squilibri di potere nelle catene di valore, filiere di produzione e consumo sostenibili nelle imminenti negoziazioni sul clima. Disuguaglianza e cambiamento climatico sono intrinsecamente connessi.

Così come le loro soluzioni. Modalità più eque di redistribuire il valore lungo le catene di fornitura rendono possibile raggiungere obiettivi sociali ed ecologici spartendo più equamente il peso del cambiamento degli attuali, insostenibili modelli di produzione.

SCARICA IL COP 25 Position Paper

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Theme Settings